Skip to content Skip to footer

A ferro e fuoco.

L’OCCUPAZIONE ITALIANA DELLA JUGOSLAVIA 1941-1943

A ferro e fuoco.

   L’OCCUPAZIONE ITALIANA DELLA JUGOSLAVIA 1941-1943   

5. Divisione Garibaldi

In Montenegro i comandanti delle quattro Divisioni del XIV Corpo d’Armata non intendono arrendersi ai tedeschi e sostengono i loro attacchi per vari giorni.
Dopo alcuni scontri con i partigiani, si giunge ad un accordo con il II Korpus dell’Esercito partigiano jugoslavo per cui la Divisione Venezia, parte della Taurinense e altri reparti italiani entrano nelle file partigiane, mantenendo ordinamento, divise, mostrine e armamento.
Ai primi di dicembre assume la denominazione di Divisione Partigiani Italiani Garibaldi, riconosciuta anche dal governo italiano. Sono circa 5.000 uomini, strutturati su tre brigate.
Partecipa a operazioni militari molto impegnative, fino al suo rimpatrio nel marzo 1945.

Quali sono le principali formazioni italiane dell’Esercito popolare di liberazione?
Quali erano le condizioni dei combattenti italiani nelle fila dell'esercito partigiano jugoslavo?