Skip to content Skip to footer

A ferro e fuoco.

L’OCCUPAZIONE ITALIANA DELLA JUGOSLAVIA 1941-1943

A ferro e fuoco.

   L’OCCUPAZIONE ITALIANA DELLA JUGOSLAVIA 1941-1943

6. Salvataggi

Laddove imperversa la violenza ustaša, i soldati italiani svolgono una funzione di protezione della popolazione serba.
Analogamente, i comandi italiani si rifiutano di consegnare ai tedeschi gli ebrei residenti nelle zone occupate, destinati a sicura morte.
Inizialmente Mussolini sostiene i militari, poi, sotto la pressione tedesca, ordina la consegna ma la burocrazia militare riesce a ritardarla all’infinito. La maggior parte degli ebrei viene concentrata a fine protettivi sull’isola di Rab/Arbe, in un campo diverso e molto più ospitale di quello in cui vengono reclusi i deportati sloveni e croati. Gli ebrei provenienti dai territori in mano croata che cercano rifugio in Italia vengono invece spesso respinti.

È vero che le truppe italiane hanno protetto i civili serbi dagli ustaša? Dove e quando?
Perché i comandi italiani decidono di non consegnare gli ebrei ai tedeschi?
In tal modo, quanti ebrei si sono salvati?