Skip to content Skip to footer

A ferro e fuoco.

L’OCCUPAZIONE ITALIANA DELLA JUGOSLAVIA 1941-1943

A ferro e fuoco.

   L’OCCUPAZIONE ITALIANA DELLA JUGOSLAVIA 1941-1943   

1. Lo Stato indipendente croato

Lo Stato indipendente croato è guidato dal movimento ustaša, ultra nazionalista e razzista.
Subito dopo la sua istituzione cominciano le persecuzioni contro gli ebrei e contro i serbi, che vivono soprattutto nella Bosnia-Erzegovina e nell’entroterra dalmata, il cui centro principale è Knin.
Ebrei e zingari vengono sterminati, mentre per eliminare i serbi, molto più numerosi, il regime di Pavelić usa diversi strumenti: uccisioni su larga scala, conversioni di massa al cattolicesimo, espulsioni verso la Serbia.
Tristemente famoso diventa il campo di concentramento di Jasenovac.
Parte della popolazione serba fugge, altri si difendono con le armi.

Che cosa è successo a Jasenovac?
Chi erano i rappresentanti dei Reich tedesco nei Balcani?