Skip to content Skip to footer

A ferro e fuoco.

L’OCCUPAZIONE ITALIANA DELLA JUGOSLAVIA 1941-1943

A ferro e fuoco.

   L’OCCUPAZIONE ITALIANA DELLA JUGOSLAVIA 1941-1943

Nel corso del 1942 e del 1943 l’esercito partigiano guidato da Tito si sposta in continuazione dalla Bosnia fino al Montenegro e viceversa.
Appena possibile, vengono costituite alcune zone libere provvisorie, che non hanno solo funzione militare, perché vi si insediano gli organi politici ed amministrativi del movimento di liberazione, destinati a diventare la struttura portante del nuovo stato comunista jugoslavo.
Contemporaneamente, a livello locale sono attive numerose altre formazioni partigiane che rendono problematico il controllo italiano fuori dai centri principali.

Come si trasforma l’esercito partigiano fra il 1941 e il 1943?