Skip to content Skip to footer

A ferro e fuoco.

L’OCCUPAZIONE ITALIANA DELLA JUGOSLAVIA 1941-1943

A ferro e fuoco.

   L’OCCUPAZIONE ITALIANA DELLA JUGOSLAVIA 1941-1943

2. Le milizie collaborazioniste

Per arginare gli sviluppi del movimento partigiano i comandi italiani accettano l’offerta di collaborazione armata che viene dagli ambienti anticomunisti sloveni, specie cattolici.
Le prime bande di autodifesa formatesi spontaneamente nelle campagne vengono organizzate in vere e proprie formazioni ausiliarie, inquadrate nella Milizia volontaria anticomunista (MVAC).
Nell’autunno del 1942 tale reparti possono schierare alcune migliaia di uomini e vengono attivamente impiegati contro i partigiani.

Quali sono le formazioni collaborazioniste slovene?
Che consistenza hanno le formazioni collaborazioniste slovene nel periodo dell’occupazione italiana?